4 motivi per cui è bene mangiare le verdure ad inizio pasto

Occorrerebbe iniziare ogni pranzo o cena con delle verdure

Una corretta alimentazione è una dei cardini principi di un buono stato di salute; il cibo che assumiamo abitualmente è la nostra benzina e noi letteralmente “siamo quello che mangiamo”.

E’ oltremodo risaputo che è il consumo quotidiano di verdure è la base di un corretto stile di vita oltre che una strategia efficace per ridurre l’apporto energetico di un pasto a prescindere dal momento in cui le si consuma, purché la porzione sia fissa ed abbondante.

Ormai è risaputo che sono necessarie 5 porzioni al giorno di frutta e verdura ma pochi sanno come e quando inserirle nella propria dieta per godere al meglio dei preziosi benefici di questi alimenti.

Spesso sulle riviste di salute e benessere si legge che occorrerebbe iniziare ogni pranzo o cena con una bella insalata mista o con altri ortaggi crudi o cotti.

Ma perché ? Scopriamo 4 motivi per cui mangiare le verdure prima del pasto.

1.  Ti senti sazio prima

Un piatto di verdura ad inizio pasto contribuisce ad un maggiore controllo dell’appetito. Possiamo, ad esempio, avvertire una sensazione di pienezza gastrica dopo aver mangiato una bella insalata e quindi lo stimolo della fame tenderà a ridursi in anticipo. Tale fenomeno implicherà che la quantità di alimenti che seguirà il piatto di insalata dovrebbe tecnicamente ridursi; ciò eviterà di rimpinzarsi con il cibo più del dovuto.

2. Il tuo organismo assimila meno calorie

A stomaco vuoto l’organismo è in grado di assorbire meglio i nutrimenti, scegliere di consumare prima le verdure significa dire che ciò che il nostro corpo troverà subito disponibile sarà: acqua, vitamine e sali minerali, elementi che spesso sono carenti nella nostra alimentazione, soprattutto se frettolosa o disordinata.

3.  Le verdure rallentano i picchi glicemici

Il consumo di verdure aumenta il controllo sugli zuccheri e sui grassi: mangiare molte fibre prima dei pasti aiuta il nostro corpo a controllare l’assimilazione degli zuccheri e dei grassi, evitando i dannosi picchi glicemici.

4. Il consumo di verdure ad inizio pasto consente di mangiarne di più

Se mangiate ad inizio del pasto un bel piatto di pasta o di cereali, il posto per le verdure di contorno sarà senz’altro ridotto, spesso anche di molto, se non addirittura tagliato come accade in taluni casi. Dunque, mangiarle prima della portata principale significa mangiarne di più e mangiarle ad ogni pasto, cosa assolutamente consigliata per avere il giusto apporto di vitamine e sali minerali. Diminuendo i livelli di fermentazione è possibile migliori stati di colite, meteorismo, gastrite, reflusso gastroesofageo.

Consigli

Ma quali verdure scegliere? Si può iniziare con una bella insalata mista dove per mista si intende che ci siano diversi ortaggi, in modo tale da beneficiare di più principi nutritivi.

Per avere un’insalata completa il consiglio è quello di mischiare tra loro radici (come carote, ravanelli, rapa rossa, topinambur), fusti (sedano); foglie (insalate di ogni tipo e di tutti i colori, spinaci compresi); fiori (carciofi, capperi, fiori di zucca); frutti (pomodori, fagiolini, cetrioli).

Non dimenticate di inserire una manciata di semi oleosi: girasole, zucca, sesamo, lino, canapa, ecc.

Dott.ssa Stefania De Liguoro
stefania@deliguoro.eu + articoli

Specialista in Scienze della Nutrizione Umana