La dieta mediterranea per potenziare la memoria

Secondo uno studio americano, per potenziare le capacità cognitive e di memoria potreste iniziare a mangiare più frutta fresca, verdure, legumi ricchi di proteine ​​e cereali.

I risultati hanno suggerito che gli anziani che hanno seguito una dieta mediterranea avevano il 35 per cento di rischio più basso di totalizzare punteggi negativi nelle prove cognitive.

Questo studio suggerisce che mangiare alimenti della dieta mediterranea e della MIND (Mediterranean-Dash intervention for neurodegenerative delay) è legato ad una migliore funzione cognitiva generale negli soggetti anziani.

La dieta mediterranea è ricca di frutta, verdura, cereali integrali, fagioli, patate, noci, olio d’oliva e pesce. Gli alimenti trasformati, i cibi fritti e veloci, gli alimenti a base di spuntini, la carne rossa, il pollame e gli alimenti a base di latticini interi di grassi vengono raramente consumati nella dieta mediterranea.

La MIND è una versione della dieta mediterranea che comprende 15 tipi di cibo. Ecco un elenco degli alimenti consigliati e non per il benessere del cervello.

Cibi si

Verdure a foglia verde, altre verdure, noci, bacche, fagioli, cereali integrali, frutti di mare, pollame, olio d’oliva e il vino.

Cibi no

Carne rossa, burro e bastone margarina, formaggi, pasticcini, dolci e cibi fritti/veloci.

I ricercatori hanno raccolto informazioni da 5.907 adulti più anziani che hanno partecipato allo studio “Health and Retirement Study“. I partecipanti hanno compilato questionari sulle proprie abitudini alimentari. Il team ha quindi misurato le abilità cognitive dei partecipanti, soprattutto sulla loro capacità di memoria e di attenzione.

I risultati

I risultati hanno indicato che le persone anziane che hanno seguito una dieta mediterranea e in stile MIND hanno conseguito un punteggio altissimo nei test per valutare le funzioni cognitive.

Leggi anche ” Mangiare frutta e verdura per sentirsi più felici
Redazione Scientifica

Redazione Scientifica

Rivista di Medicina, Attualità, Cultura