Perché è importante ridurre il consumo di sale

Incoraggiare le aziende alimentari multinazionali a ridurre il sale nei loro prodotti e a sensibilizzare i Governi sulla necessità di una ampia strategia di popolazione per la riduzione del consumo alimentare di sale. E’ questo l’obiettivo che si pone il World Action on Salt & Health (WASH) che ha promosso la Settimana mondiale di sensibilizzazione per la riduzione del consumo alimentare di sale.

Lo ricorda il Ministero della Salute che pone l’accento sui rischi per la salute che derivano da un consumo eccessivo di sale, tra cui insorgenza di gravi patologie cardio-cerebrovascolari correlate all’ipertensione, quali infarto del miocardio e ictus cerebrale. Un maggior consumo di sale è stato, inoltre, associato anche ad altre malattie cronico-degenerative, quali tumori dell’apparato digerente, in particolare quelli dello stomaco, osteoporosi e malattie renali.

Molte persone sono consapevoli del fatto che mangiare troppo sale fa male alla salute, ma pensano che ci si debba preoccupare solo in età matura. Questo non è vero, poiché mangiare troppo sale durante l’infanzia aumenta la pressione sanguigna che poi si insinua nell’età adulta, aumentando il rischio di ictus e infarti. Ecco perché è così importante ridurre l’assunzione di sale in tutte le età.

Inoltre la maggior parte della gente mangia troppo sale senza nemmeno rendersene conto. Questo perché fino all’80% del sale che mangiamo è già presente nel cibo che acquistiamo, compresi pane, cereali e dolci.

5 consigli per tenere sotto controllo il consumo di sale

Il tema della settimana 2018 è “5 ways to 5 grams”, per indicare 5 possibili vie per ridurre il consumo di sale fino al valore massimo raccomandato dall’OMS di 5 grammi al giorno (corrispondenti a circa 2 grammi di sodio al giorno).
WASH, grazie anche ai poster predisposti per l’occasione, suggerisce 5 azioni concrete da intraprendere per centrare l’obiettivo.

  • Scola e sciacqua verdure e fagioli in scatola e mangia più frutta e verdure fresche
  • Prova a diminuire gradualmente l’aggiunta di sale ai tuoi piatti preferiti, il tuo palato si adatterà al nuovo gusto
  • Usa erbe, spezie, aglio e limone al posto del sale per aggiungere sapore ai tuoi piatti
  • Metti il sale e le salse salate lontano dalla tavola, così i giovani non prenderanno l’abitudine di aggiungere sale
  • Controlla le etichette dei prodotti alimentari prima di acquistarli, ti aiuteranno a scegliere quelli a minor contenuto di sale.

Leggi anche Più peperoncino per dire addio al sale

 

Redazione Scientifica

Redazione Scientifica

Rivista di Medicina, Attualità, Cultura