Mangiare salmone fa bene alla salute dell’intestino

I ricercatori inglesi hanno scoperto che il salmone può aumentare la diversità batterica nello stomaco

Secondo una recente ricerca, pubblicata sulla rivista Scientific Reports, consumare salmone con regolarità concorre al benessere dell’intestino. In particolare gli omega-3 aumentano la diversità del microbioma per contrastare il diabete, l’obesità, la colite ed il morbo di Crohn.

Lo studio

I ricercatori della Nottingham University e King’s College London hanno esaminato il microbioma intestinale di 876 donne.

Hanno valutato la diversità e l’abbondanza dei cosiddetti batteri “buoni”, omega 3, nella dieta, anche attraverso l’esame del sangue.

I risultati

Il team di ricerca ha scoperto che le donne che consumavano più omega-3 avevano un microbioma intestinale più ampio e variegato.

L’autore principale Dott. Ana Valdes, di Nottingham, ha spiegato che “I nostri sistemi digestivi ospitano trilioni di microbi, la maggior parte dei quali benefici, in quanto svolgono un ruolo di vitale importanza per la nostra digestione, nel sistema immunitario e nella regolazione del peso.

Si ritiene che gli effetti benefici degli acidi grassi omega-3 derivino da un batterio specifico (N-carbamilglutamato – NCG) che i nutrienti contribuiscono a produrre.

Questo batterio è stato precedentemente collegato ad una minore infiammazione ed un minore rischio di obesità.

Altri benefici degli acidi grassi omega-3

E’ stato anche dimostrato che gli omega-3 hanno proprietà anti-cancro, e può anche essere trovato negli sgombri, noci e semi di chia.

Altri studi hanno dimostrato che la sostanza nutritiva ha anche altri effetti positivi. In particolare sulla diminuzione dell’alta pressione sanguigna, alleviare l’artrite e prevenire il declino cognitivo.

Redazione Scientifica

Redazione Scientifica

Rivista di Medicina, Attualità, Cultura