Camminare può aiutare a combattere infiammazione e stress

Camminare a passo svelto fa bene alla salute

Bastano solo 20 minuti di camminata per aiutare il nostro organismo a combattere l’infiammazione. E’ quanto emerso nel corso di una ricerca condotta da un’equipe della Scuola di Medicina dell’Università di San Diego, in California.

A dirlo un nuovo studio che ha preso in esame 47 volontari che hanno camminato su un tapis roulant a passo svelto per 20 minuti. Ad ogni partecipante è stato effettuato un prelievo di sangue prima e dopo la prova fisica.

Perchè fa bene camminare

I ricercatori hanno scoperto che camminare riduce i marcatori di infiammazione nel corpo. In particolare, la sessione di allenamento di 20 minuti ha determinato una riduzione del 5 per cento nel numero di cellule immunitarie che producono una proteina chiamata TNF, coinvolta nella risposta infiammatoria del corpo.

“Ogni volta che svolgiamo esercizio fisico, stiamo facendo qualcosa di buono per il nostro corpo sotto diversi punti di vista, anche a livello delle cellule immunitarie,” ha spiegato Suzi Hong, ricercatore di psichiatria e medicina di famiglia presso l’Università della California.

Questo studio – pubblicato sulla rivista Brain, Behavior and Immunity – ha rivelato in che modo l’esercizio fisico sia in grado di svolgere un effetto anti-infiammatorio. In primo luogo, gli ormoni prodotti durante l’esercizio fisico, come l’adrenalina e noradrenalina, attivano recettori chiamati beta-2 adrenergici. Questi recettori sono presenti in molte cellule, comprese le cellule immunitarie, ed è questa attivazione che porta a cambiamenti nella risposta del sistema immunitario, compresa una diminuzione delle cellule che producono TNF.

I ricercatori hanno anche sottolineato che i risultati suggeriscono che non occorre sottoporsi ad attività estenuanti per sperimentare gli effetti anti-infiammatori . “Da venti minuti a mezz’ora di esercizio fisico moderato, tra cui camminare in maniera veloce, può essere sufficienti,” ha aggiunto Hong.

Leggi anche “Il cane è il miglior personal trainer dell’uomo”

Un’altra ricerca condotta dalla University of Central Florida e pubblicata su Journal of Applied Psychology, sostiene che l’antidoto contro lo stress da lavoro è concedersi una bella nuotata o una camminata cercando di superare i 10mila passi al giorno.

Combattere lo stress

Per la loro ricerca gli studiosi hanno assoldato 118 studenti di un master di specializzazione, che avevano già un impiego a tempo pieno. Li hanno sottoposti ad un sondaggio ed hanno fatto indossare loro per una settimana degli strumenti per monitorarne l’attività fisica giornaliera. Gli stessi questionari sono stati somministrati anche alle persone con cui i partecipanti allo studio convivevano.

I risultati

I lavoratori che facevano almeno 10 mila passi al giorno, erano meno inclini a discutere o litigare, rispetto a chi non superava i 7 mila passi. Di qui la conclusione degli studiosi che 587 calorie extra bruciate (pari a 90 minuti di camminata a ritmo molto sostenuto o un’ora di nuoto) possono mitigare se non neutralizzare gli effetti negativi dei problemi di lavoro.