Di quante ore di sonno abbiamo veramente bisogno?

Il sonno è un indicatore fondamentale della salute generale e del benessere psicofisico. Spendiamo fino a un terzo della nostra vita dormendo, e lo stato generale della qualità del sonno rimane una questione essenziale in tutta la nostra esistenza.

Anche se si è consapevoli del fatto che dormire bene la notte sia importante per la salute, non tutti possono ammettere di svegliarsi al mattino e sentirsi veramente riposati e soddisfatti.

A complicare ulteriormente le cose, ci si mette anche l’abitudine di assumere, in alcuni casi abusando, stimolanti come caffè e bevande energetiche, l’utilizzo di sveglie, e spie luminose, tra cui quelle dei dispositivi elettronici (tv, smartphone, etc…) che interferiscono con il nostro “ritmo circadiano” (veglia – sonno).

Di quante ore di sonno abbiamo bisogno?

Le ore dipendono in base all’età e agli stili di vita che influenzano la qualità e la quantità del sonno, come orari di lavoro e stress.

La National Sleep Foundation– ente di ricerca statunitense – ha condotto un’approfondita ricerca per fasce d’età: un team di 18 specialisti ha lavorato per due anni arrivando dunque a stilare delle linee guida “age-to-age”.

 

 

In sintesi, il sonno di un neonato fino a 3 mesi è compreso tra le 14 e le 17 ore, mentre dai 4 a 11 ne bastano circa dalle 12 alle 15 ore. I bimbi di 1-2 anni devono dormire almeno 11 ore fino ad un massimo di 14, mentre in età prescolare (3-5 anni) il sonno raccomandato è tra le 10 e le 13 ore. In età scolare (6-13 anni) il range è compreso tra 10 e 11 ore. Per gli adolescenti (14-17 anni) bastano circa 8 ore. Quando si diventa adulti, ovvero dai 18 anni a salire e fino ai 65 anni è consigliabile riposare tra le 7 e le 9 ore. Agli over 65, invece, servono meno ore per riposare in maniera adeguata, fino ad un massimo di 8.

 

Redazione Scientifica

Redazione Scientifica

Rivista di Medicina, Attualità, Cultura