Cosa avviene nel nostro corpo quando smettiamo di fumare?

Entro la prima mezz’ora la pressione del sangue, il battito cardiaco e la temperatura corporea diventano regolari.

Gli scienziati dell’American Cancer Society spiegano che appena si smette di fumare il nostro organismo mostra già i primi cambiamenti sin dalle prime ore.

I primi tre giorni

Entro la prima mezz’ora la pressione del sangue, il battito cardiaco e la temperatura corporea diventano regolari. Dopo 4 ore circa dall’ultima sigaretta la nicotina, che è idrosolubile, inizia ad essere eliminata dal corpo, tramite l’urina e la sudorazione.

Dopo 12 ore il monossido di carbonio scompare dall’organismo e, quindi, il sangue è in grado di trasportare più efficacemente l’ossigeno ai tessuti. Dopo 2 giorni il gusto e il tatto migliorano: alito, denti e capelli sono notevolmente più sani e puliti.

Dopo le 72 ore

Passati i primi 3 giorni da quando si è smesso di fumare, si riesce a respirare meglio. I sintomi dell’astinenza fisica iniziano ad attenuarsi per scomparire dopo circa una settimana. Permangono quelli dell’astinenza psicologica, che accompagnano il fumatore in un periodo pressoché lungo e non ben definito. 

Ma con il passare del tempo ricompaiono sempre più di rado anche se in maniera molto più violenta rispetto ai primi giorni di astinenza.

Dopo 1 mese

L’epitelio cigliato delle vie respiratorie si ricostruisce e il muco è rimosso dai bronchi dalla tosse che elimina sostanze dannose. Cala il rischio di infezioni respiratorie. Dopo un anno: il rischio di malattie cardiovascolari, cioè infarto o ictus, cala significativamente.

Dopo 5 anni

Il rischio di cancro al cavo orale e all’esofago rimane ma scende del 50%, il rischio di ictus rimane ma scende quasi al livello dei non fumatori.

Dopo 10 anni

Per quanto riguarda, invece, il rischio di cancro al polmone rimane ma scende del 40-50%.

Dopo 15 anni

La probabilità di malattie cardiovascolari e tumorali rimane, ma scende quasi a quello dei non fumatori.

Leggi anche ” Studio americano: il sole invecchia la pelle, non solo d’estate “
Redazione Scientifica

Redazione Scientifica

Rivista di Medicina, Attualità, Cultura