Malattie reumatiche: scarsa informazione e luoghi comuni da sfatare

Le malattie reumatiche colpiscono le persone anziane” – Falso.
Molte malattie reumatiche, soprattutto quelle infiammatorie come le artriti e le connettiviti, esordiscono in pazienti giovani o in età matura e meno frequentemente negli anziani.

I dolori, chi li ha se li tiene” – Falso.
Il dolore può essere sintomo di una malattia infiammatoria e in tal caso, combattendo l’infiammazione, si può nettamente ridurlo. Il dolore può essere espressione di una malattia scarsamente infiammatoria (come l’artrosi) o non infiammatoria (come le alterazioni della postura con conseguente mal di schiena). In questi casi, oltre agli antinfiammatori, si possono usare analgesici associati ad attività fisica e massaggi. In altre circostanze, come nella fibromialgia, il dolore è esso stesso da considerarsi la malattia e va trattato con farmaci in grado di aumentare la soglia del dolore (come gli antidepressivi).

Le malattie reumatiche colpiscono le ossa” – Vero.
Le malattie reumatiche possono colpire l’osso (come nel caso dell’Osteo-porosi) e l’osso adiacente la cartilagine articolare (come avviene nelle varie forme di artrite, oppure nell’artrosi). Non va però dimenticato che le malattie reumatiche più gravi possono complicarsi e colpire anche i muscoli e alcuni organi vitali come il polmone, il rene e il cuore. Queste complicanze sono riscontrabili in alcune connettiviti come Sclerodermia, Lupus e Polimiosite.

“I reumatologi prescrivono solo cortisone” – Falso.
Se in passato c’è stato un grande utilizzo di cortisone nell’artrite reumatoide e in alcune connettiviti, oggi l’avvento di alcuni farmaci immunosoppressori consente di evitare o di ridurre le dosi e la durata l’utilizzo dei cortisonici.

In alcune patologie il cortisone viene utilizzato come trattamento curativo (come nella Polimialgia Reumatica e in alcune Vasculiti) ed è spesso in grado di contribuire alla prevenzione e alla cura delle complicazioni a livello degli organi vitali. Oggi sono considerate anche nuove modalità di utilizzo del cortisone che prevedono la somministrazione nelle ultime ore della sera al fine di contrastare più efficacemente la rigidità mattutina tipica dell’artrite reumatoide.

Non va assolutamente dimenticato che l’impiego del cortisone per lungo tempo può avere effetti negativi sull’osso e che tali effetti oggi possono essere moto ben controllati con i farmaci impiegati per il trattamento dell’osteoporosi.

Togliere il liquido da un’articolazione non serve: più ne togli e più si riforma. Le infiltrazioni fanno male perché il cortisone fa male” – Falso.
È la malattia a determinare la formazione del liquido che, almeno una volta, dovrebbe essere analizzato per cercare di identificare la causa che lo ha determinato) gotta, condrocalcinosi, artrite reumatoide, artrosi, …). A volte per controllare l’infiammazione è opportuno procedere con iniezioni di cortisone o di sostanze che migliorano il trofismo della cartilagine, come l’acido ialuronico.

“I farmaci utilizzati per curare l’artrite reumatoide sono antitumorali e quindi pericolosi” – Falso.
Se è vero che alcuni farmaci immunosoppressori sono impiegati anche come antitumorali, è altrettanto vero che le dosi e le modalità di impiego in Reumatologia sono diverse e, quindi, il profilo di sicurezza e tollerabilità è assolutamente buono.

Leggi anche: “Prevenire l’osteoporosi: l’importanza di una sana alimentazione”

Reumatologo e Ortopedico: l’uno vale l’altro” – Falso.
Le competenze di ciascuna specializzazione sono diverse e talvolta complementari. Il Reumatologo si occupa del trattamento medico di forme infiammatorie, degenerative e dismetaboliche articolari e non articolari, mentre l’ortopedico è un chirurgo che interviene nella correzione di patologie che non rispondono più alle terapie (come l’artrosi avanzata per la quale si richiede la protesizzazione) o che opera condizioni non curabili con farmaci (come la rottura di un tendine o la frattura di una vertebra o di un femore).

“Le malattie reumatiche si identificano con la radiografia” – Falso.
Non sempre le radiografie tradizionali rilevano alterazioni in presenza di un’articolazione dolente. Esistono metodiche come l’Ecografia articolare, la TAC e la Risonanza Magnetica che fanno vedere bene la struttura e l’infiammazione dell’osso, dei tendini, della capsula articolare, della cartilagine, etc. Queste metodiche spesso consentono una diagnosi più precoce e quindi terapie più tempestive e appropriate.

“L’umidità fa venire i reumatismi” – Falso.
Anche se l’umidità e la bassa pressione possono favorire l’insorgenza del dolore e aumentarne l’entità, esse non provocano malattie reumatiche.

“Le compresse utilizzate per i dolori articolari e per l’osteoporosi fanno venire l’ulcera” – Falso.
Esistono da alcuni anni nuovi farmaci antinfiammatori molto meno gastrolesivi di quelli più datati, come gli inibitori specifici della COX-2. Inoltre esistono farmaci antidolorifici senza alcun effetto lesivo a livello gastrico, che possono essere usati per il trattamento del dolore non infiammatorio.

Quando è necessario, l’impiego di gastroprotettori diminuisce il rischio di gastrolesività dei farmaci antinfiammatori che, comunque, devono essere impiegati per il periodo di tempo strettamente necessario e sotto controllo medico. Per quanto riguarda i farmaci per l’osteoporosi, esistono precauzioni da adottare e alternative terapeutiche per i pochi casi intolleranti alla somministrazione orale di farmaci antiriassorbitivi. I farmaci per combattere l’osteoporosi severa, come il paratormone e il denosumab, si somministrano invece per via sottocutanea e non sono gastrolesivi.

Prof. Giovanni Minisola
Primario div. Reumatologia
Ospedale “S. Camillo” – Roma

Redazione Scientifica

Redazione Scientifica

Rivista di Medicina, Attualità, Cultura