La Candida albicans: come riconoscerla e curarla

L’infezione vaginale da Candida Albicans (vaginite micotica o da funghi) è una malattia molto frequente nella donna. Nell’età riproduttiva aumenta del 40% circa per i frequenti rapporti sessuali, ed oggi anche plurimi. Si sviluppa e si manifesta in ambiente caldo (jeans, collant), umido (piscina, costume bagnato, lavaggi non asciugati bene) e, soprattutto, acido. E’ facile contrarre tale infezione per via indiretta (bagni pubblici, asciugamani umide) e trasmetterla con i rapporti sessuali.

La trasmissione di questa malattia con i rapporti sessuali è facile perché molti individui sono portatori abituali della candida (nella cavità orale e vaginale, nelle feci, a livello degli inguini). Oggi si parla di immunizzazione distrettuale per favorire la difesa della donna in condizioni come fase pre-mestruale, gravidanza, assunzioni di contraccettivi orali, somministrazioni di antibiotici e chemioterapia. Queste situazioni inducono un indebolimento dell’immunità cellulo-mediata.

Sintomi
La sintomatologia si presenta con forte prurito; si può associare il bruciore con arrossamento vulvare, edema prepurziale, difficoltà a urinare (disuria), perdite vaginali di colore biancastro (leucorrea). Il rapporto sessuale è praticamente impossibile.

 

Diagnosi
La diagnosi avviene evidenziando l’agente patogeno (ife, spore). L’esame elettivo oggi è il Pap-Thin-Prep, una soluzione più avanzata e più precisa del vecchio Paptest (tanti falsi positivi o negativi). Si tratta di un test di screening su strato sottile approvato dalla FAD statunitense nel 1996 che ne confermò la superiorità in accuratezza e in sensibilità.

 

dieta_webTerapia
La terapia è fatta principalmente dagli antimicotici (più usati gli imidazolici). La donna può trovare tali prodotti sotto forma di creme vaginali, ovuli e comunque dopo aver consultato il proprio ginecologo. E’ preferibile sempre associare delle lavande vaginali a base di acido borico. Il miconazolo deve essere somministrato anche per via orale per entrambi i partner. La somministrazione orale con azione sistemica ha il vantaggio sui prodotti utilizzati per via topica di permettere più agevolmente il trattamento del partner maschile. Tale terapia è necessaria soprattutto nelle forme croniche che sono anche le più frequenti.

 

Prevenzione
Si può prevenire l’infezione seguendo un’alimentazione equilibrata, non eccedendo con lieviti e dolci. L’igiene intima va fatta con prodotti specifici, che rispettino il delicato equilibrio del pH vaginale. Per l’abbigliamento, il consiglio è di evitare fibre sintetiche e indumenti stretti (jeans, collant, etc.) e utilizzare biancheria intima in cotone bianco.
Redazione Scientifica

Redazione Scientifica

Rivista di Medicina, Attualità, Cultura