Il caffè allunga la vita, anche in grandi quantità

Studio del National Cancer Institute su 500 mila britannici, ridotto del 12% il tasso di mortalità

Una tazzina appena svegli, poi al bar, al distributore in ufficio e poi ancora un’altra, e un’altra ancora. Se anche tu non puoi farne a meno del caffè, ma sei preoccupato per la tua salute, da oggi potrai continuare a bere in tutta tranquillità.

Secondo uno studio osservazionale condotto dal National Cancer Institute, le persone che hanno bevuto caffè, non importa quanto o che tipo, erano più longevi per un periodo di 10 anni rispetto ai bevitori di non-caffè.

La ricerca

Il team del National Cancer Institute ha utilizzato i dati delle persone che hanno preso parte a un ampio studio genetico in Gran Bretagna chiamato UKBankbank. Più di mezzo milione di persone si sono offerte volontarie per donare il sangue e rispondere a domande dettagliate sulla salute e sullo stile di vita per la ricerca in corso su geni e salute.

Il team ha analizzato chi ha bevuto caffè – quantità e tipo, anche decaffeinato – e ha cercato differenze in diversi geni coinvolti nel metabolizzare la caffeina. Poi hanno esaminato i tassi di mortalità in oltre 10 anni di studio.

Persino le persone che hanno dichiarato di aver bevuto più di otto bicchieri al giorno avevano meno probabilità di morire, in media, rispetto ai non bevitori.

I volontari erano per lo più britannici e avevano diverse abitudini di bere caffè rispetto a gran parte del resto del mondo. Per prima cosa, erano più propensi a bere un caffè istantaneo.