La perdita del proprio cane può causare il ‘cuore spezzato’

I sintomi sono simili ad un attacco cardiaco: dolore al torace e mal di schiena, mancanza di respiro

Perdere un animale domestico può letteralmente spezzarvi il cuore. Infatti anche la perdita del cane, al pari di un vostro parente, può provocare la “sindrome del cuore spezzato“.

Ed è quello che è capitato ad una donna del Texas, Usa, giorni dopo la perdita del suo Yorkshire Terrier

Il caso è stato pubblicato sul New England Journal of Medicine. La protagonista è Joanie Simpson, che al mattino si è svegliata con forti dolori al torace e alla schiena, pensando si trattasse di di un attacco cardiaco. Solo dopo accurate analisi, i medici hanno capito che non si trattava di un infarto, ma della sindrome del cuore spezzato, chiamata anche cardiomiopatia di tako-tsubo.

I sintomi sono simili ad un attacco cardiaco: dolore al torace e mal di schiena, mancanza di respiro ed elevati enzimi cardiaci. Con un’unica differenza: la sindrome non comprende le arterie intasate coerenti con un infarto.

Leggi anche ” Più attività fisica per vivere meglio e a lungo “

Simpson, 62, ha raccontato al Washington Post che Meha, la cagnolina, era morta pochi giorni prima. Senza figli, la sua cagnolina era diventata come una figlia, e la sua morte è stata un’esperienza emotiva devastante.

Una situazione di forte stress che ha portato il cuore della donna a “spezzarsi” per il dolore.

La cardiomiopatia di tako-tsubo si verifica tipicamente nelle donne in postmenopausa e può essere preceduta da un evento stressante o emotivo, e per questo si chiama sindrome del cuore spezzato. La maggior parte delle persone si recupera senza danno cardiaco duraturo.