Le onde cerebrali ci dicono se e quando stiamo sognando

Quante volte ci svegliamo al mattino ed abbiamo la sensazione di non aver sognato per il solo fatto di non ricordarlo.

Ora a rivelare se stiamo sognando e quando, potrebbero essere le nostre onde cerebrali.

In un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature Neuroscience, gli scienziati affermano di poter prevedere se le persone stanno sognando, attraverso l’attività cerebrale nella regione posteriore del cervello, detta anche zona “zona calda“.

E’ stato visto che il monitoraggio di questa area in tempo reale è in grado di rivelare se un individuo sta vivendo esperienze oniriche o meno.

Per molti anni, si è pensato che l’attività del sogno si verificasse solo durante la fase REM (rapid eye movement), o movimento oculare rapido. Ma gli studi più recenti hanno scoperto che molte persone sognano anche quando si sono svegliati nel corso di una diversa fase del sonno chiamata sonno non-REM.

La ricerca
Nel nuovo studio, i ricercatori hanno monitorato le onde cerebrali di 46 persone mentre dormivano, usando l’elettroencefalografia (EEG), un metodo di registrazione dell’attività elettrica del cervello. I ricercatori hanno svegliato i partecipanti in diverse fasi del sonno, chiedendo loro se stavano sognando poco prima di essere svegliati. I ricercatori hanno esaminato le differenze delle onde cerebrali tra le persone che avevano detto che stavano sognando e con quelle che avevano risposto in maniera negativa.

I ricercatori hanno scoperto che, quando i partecipanti sognavano, mostravano una diminuzione delle onde cerebrali a bassa frequenza, e un aumento delle onde cerebrali ad alta frequenza, nella “zona calda” posteriore, rispetto a quando non sognavano. Hanno riscontrato questi dati indipendentemente dal fatto che i partecipanti stavano sognando durante il sonno REM o sonno non-REM.

Con l’utilizzo di questo pattern delle onde cerebrali, i ricercatori hanno scoperto che potevano prevedere se una persona stava sognando durante il sonno non-REM con una precisione di circa il 90 per cento.

Informa anche i tuoi amici

shares