Perché lo sbadiglio è contagioso? La risposta della scienza

Una recente ricerca condotta dall’Università di Nottingham ha scoperto il perché sbadigliamo automaticamente quando vediamo qualcuno farlo, anche se l’intensità varia da persona a persona.

Lo studio

Secondo gli studiosi inglesi, questa tendenza viene automaticamente innescata dai nostri riflessi primitivi, nella corteccia motoria del cervello, l’area adibita al controllo dei movimenti. Gli ultimi risultati di questo studio rivelano, inoltre, che la nostra capacità di resistere allo sbadiglio quando guardiamo qualcuno farlo è limitata. Ma c’è di più. Ogni volta che tentiamo di resistere, la voglia aumenta. I risultati sono stati pubblicati il ​​31 agosto nella rivista “Current Biology“.

Ecofenomeno

Quando guardiamo un’altra persona sbadigliare, lo sbadiglio diventa contagioso e viene attivato in automatico. È una forma molto comune di “Ecofenomeno“: l’imitazione automatica di parole o azioni di qualcuno. Le persone con disordini di empatia come l’autismo sbadigliano meno quando vedono gli altri sbadigliare e sembra che gli psicopatici siano immuni agli sbadigli contagiosi.

Un altro aspetto importante che i ricercatori hanno scoperto è che la voglia di sbadiglio è specifica per ognuno di noi. Lo “sbadiglio contagioso” non è tipico solo degli esseri umani, bensì coinvolge anche scimpanzé e cani.

Leggi anche “ Studio americano: il riposino pomeridiano fa bene alla salute” 

Redazione Scientifica

Redazione Scientifica

Rivista di Medicina, Attualità, Cultura