Le intolleranze alimentari: occhio ai test fai da te


Le intolleranze alimentari sono causate da reazioni avverse agli ingredienti presenti nei cibi o nelle bevande. Da non confondere con le allergie alimentari, che sono potenzialmente pericolose per la salute. Le più diffuse sono quelle agli arachidi, noci, frutti di mare, latte, o uova. I sintomi compaiono molto rapidamente, dopo pochi minuti che sono stati ingeriti.

Le intolleranze alimentari, invece, provocano reazioni ritardate. Non costituiscono un pericolo serio per la salute, ma possono rendere la vita molto difficile per chi ne soffre. E’ possibile superarle se si eliminano dalla dieta i cibi incriminati per un determinato lasso di tempo. Fa eccezione la malattia celiaca, che è una reazione permanente al glutine.

Sintomi. I principali sintomi di intolleranze alimentari sono, per cominciare, problemi all’apparato digestivo come IBS (sindrome dell’intestino irritabile), gonfiore, diarrea, costipazione e crampi addominali. Altri sintomi includono emicranie e mal di testa, aumento di peso.

Inoltre, possono presentarsi anche reazioni a livello della pelle come eczemi, psoriasi ed eruzioni cutanee. Ci sono casi in cui sono stati registrati dolori articolari e sintomi alle vie respiratorie come rinite e sinusite. Le intolleranze alimentari si verificano di solito tra le 2 ore e fino a 3 giorni dopo aver mangiato il cibo incriminato. Il rapporto tra il tempo di mangiare il cibo e ottenere i sintomi dipende da molti fattori. Si collega al processo digestivo, ma anche la risposta infiammatoria che avviene.
L’unica intolleranza accertata riguarda quella al lattosio e al glutine.

Test di intolleranze alimentari. Ce ne sono molti in commercio, anche a basso costo ma vengono classificati come non convenzionali, ovvero non hanno una basa scientifica. Il consiglio è di rivolgersi da uno specialista che saprà indicare il percorso diagnostico e terapeutico più indicato.


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>