L’ossigeno iperbarico: ringiovanire senza bisturi


Arrivare ai 50 anni e dimostrarne almeno dieci di meno senza ricorrere alla chirurgia estetica? La soluzione è a portata di mano e non si tratta certo di una pozione magica. Il processo di invecchiamento dei tessuti, evento inesorabile, legato al passare del tempo, deriva dall’apporto ridotto di sangue, diretta conseguenza di un deficit della circolazione a livello dei tratti terminali dei capillari. Essi, oltre a diminuire numericamente con il passare degli anni, vengono seriamente compromessi da un insieme di fattori – invecchiamento, stress, inquinamento, malattie – che originano un processo di degradazione del collagene e dell’elastina.

Il segreto che tutti, uomini e donne, vorrebbero conoscere risiede in un trattamento all’ossigeno iperbarico. Una buona ossigenazione può quindi aiutare a combattere i radicali liberi, presenti appunto nei tessuti in cui la circolazione del sangue è deficitaria. In questi casi la vasodilatazione prodotta dall’ossigeno contribuisce a migliorarne la vascolarizzazione, rendendo la pelle più sana, luminosa, morbida e tonica. Emblema vivente del risultato del “prezioso” rimedio è la cantante Madonna, che a 50 anni sta vivendo una seconda giovinezza. Non invasivo, naturale e rivoluzionario idrata la pelle del viso e del dècolletè a un livello profondo e la rende immediatamente radiosa e giovane. La tecnologia deriva dalla Terapia Iperbarica, originariamente sviluppata per curare tutta una serie di patologie importanti. Come funziona? L’apparecchiatura per Ossigeno Iperbarico produce ionizzazione dell’ossigeno al 98%, privo di impurità e batteri. Il getto è adattabile a diversi accessori e costituisce un sistema completo per il ringiovanimento delle cellule, per accelerare il metabolismo e curare la pelle. La macchina consente di eseguire trattamenti in modo totalmente indolore e tali da consentire una sensazione di completo benessere e relax.

La metodica prevede 5 fasi 1. Dermoabrasione soft: consente di rimuovere le cellule morte e le impurità dell’epidermide, preparando la pelle per la penetrazione dei principi attivi utilizzati nel corso del trattamento iperbarico. 2. Aspersione principio attivo: si esegue un massaggio ossigenante alla pelle, trasferendo al tempo stesso in profondità i principi attivi. 3. Getto infusore: esercita un massaggio connettivale e trasferisce ossigeno e prodotti per la cura della pelle in profondità; può risolvere molti dei problemi della pelle: rughe, macchie pigmentate e altri problemi causati dalla mancanza di ossigeno. 4. Manipoli ad ultrasuoni 1 Mhz: in abbinamento al trattamento all’ossigeno, gli u/s migliorano l’assorbimento di principi nutritivi della pelle e accelerano il metabolismo cellulare. 5. Maschera-viso per inalazione: l’inalazione di ossigeno e aromi / oli essenziali favorisce l’attività cellulare e ne ritarda l’invecchiamento. Una varietà di sieri a base di Acido Ialuronico, vitamine e antiossidanti veicolati negli strati più profondi della pelle ed in sinergia con il trattamento all’ossigeno iperbarico sono in grado di idratare e rassodare la pelle oltre che donare un effetto lifting immediato. La metodica è assolutamente non invasiva e senza i rischi che altri trattamenti comportano. Bastano pochi minuti per vedere i risultati. Nello specifico, riduce visibilmente o elimina i segni del tempo, agendo sulle rughe, anche quelle di espressione. Riossigena in profondità la cute donandole un aspetto luminoso e sano. Ridefinisce i contorni del viso, intervenendo nelle zone rilassate e dando loro volume in modo naturale. Leviga, rende elastica e luminosa la pelle del viso, collo, decolletè, mani. La possibilità che si ha di veicolare diverse sostanze rende la macchina particolarmente versatile tanto da poter agire anche su smagliature e cicatrici e può aiutare a combattere problemi di capelli quali caduta, dermatiti, psoriasi, eccesso di sebo.

L’innovazione di questo trattamento medico- estetico sta nel fatto che veicolando le sostanze idonee ed appropriate, può trovare indicazione anche nella cura di patologie quali acne, rosacea e come coadiuvante nelle applicazioni per la rottura dei capillari, oltre che favorire i processi di rigenerazione e cicatrizzazione dei tessuti. Inoltre attraverso l’utilizzo di alcuni accessori di cui è dotata la macchina “miracolosa” è possibile intervenire in alcuni tipi di prurito, neurodermatiti, dermatiti da contatto e trattare persino, con estrema tranquillità, le pelli più sensibili. La corsa al “trattamento miracoloso” sta contagiando anche gli italiani, sempre più consapevoli delle virtù terapeutiche del macchinario.