L’esercizio fisico per il benessere degli spermatozoi

Basterebbero appena 6 mesi di attività per migliorare la qualità dello sperma. A sostenerlo un gruppo di ricercatori della Urmia University dell’Iran, che hanno visto come alcuni uomini, dopo aver praticato esercizio fisico almeno tre volte a settimana, hanno mostrato un significativo miglioramento dello sperma, sia come numero che qualità.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Reproduction, ha anche dimostrato che per ottenere questi risultati è sufficiente un’attività di moderata intensità.

Il campione di 261 uomini sani, tra i 25 e i 40 anni di età, è stato suddiviso in quattro gruppi, in base al tipo e frequenza di esercizi. Questi programmi sono stati seguiti per sei mesi, durante i quali sono stati prelevati campioni di sperma.

Le analisi non hanno lasciato dubbi: i ricercatori hanno rilevato un miglioramento della qualità dello sperma in tutti i gruppi che avevano fatto esercizio rispetto a chi era rimasto fermo. Il gruppo che aveva svolto attività in maniera moderata e continua ha mostrato le performance migliori. il volume degli spermatozoi è aumentato dell’8,3%, del 12,4% nella motilità, del 17,1% nella forma, del 14,1% nella concentrazione e del 21,8% nel numero di spermatozoi.

Fatto significativo è che i benefici sono scomparsi pochi giorni dopo che l’interruzione dell’attività fisica.

Secondo un altro studio, questa volta americano, chi è sedentario ha il 44% in meno di spermatozoi rispetto a chi pratica sport regolarmente.