La donna batte l’uomo sulla memoria

Il cervello di una donna di mezza età è più performante di quello di un uomo, sulla memoria.

A dirlo è uno studio condotto dai ricercatori del Brigham and Women’s Hospital di Boston. In base ai dati raccolti, è emerso che le donne di mezza età hanno una maggiore capacità mnemonica rispetto ai coetanei dell’altro sesso: ricordano meglio le date, anniversari e tanto altro ancora.

Tuttavia questo primato è temporaneo e tende a scemare con la menopausa, fase in cui gli estrogeni (ormoni femminili) iniziano gradualmente a diminuire.

Lo studio

La ricerca – pubblicata sulla rivista Menopause, giornale ufficiale della North American Menopause Society (NAMS) – è stata condotta su un un campione di 212 individui di entrambi i sessi ed età compresa tra 45 e 55 anni.

I risultati – che certamente faranno storcere il naso ai maschietti di mezza età – potrà avere importanti risvolti scientifici nel chiarire i motivi per cui le donne hanno un rischio praticamente doppio di andare incontro a problemi di demenza (come nel caso dell’Alzheimer) rispetto agli uomini.

Leggi anche “Studio americano: le mamme dormono meno dei papà

San Valentino: il sesso in menopausa. Il miglioramento dei parametri sessuali femminili con il trattamento del laser CO2

L’amore e il sesso a San Valentino, così come in tutti i giorni dell’anno, non hanno età: anche dopo la menopausa le donne amano e desiderano essere amate, anche se la sessualità si modifica ed evolve con lo scorrere del tempo.

A volte in menopausa il sesso può diventare più doloroso per via della secchezza vaginale, causata dalla scomparsa degli estrogeni: secondo l’Indiana University, un terzo delle donne nella vita soffre di dolori vaginali durante i rapporti sessuali.

Questo disturbo frequentissimo può causare dei limiti al rapporto con il partner: molte donne infatti non ne parlano né con il compagno né con il proprio ginecologo per senso del pudore.

LO STUDIO

La dottoressa Maria Sophocles, del Women Healthcare dell’Università di Princeton, ha esaminato 62 donne in postmenopausa, tra i 46 e i 75 anni di età, che sono state sottoposte al trattamento con il laser a CO₂, MonnaLisa Touch™ per tre volte a sei settimane di distanza.

I PARAMETRI

Sono stati valutati, prima e dopo il trattamento, i sei parametri della sessualità: desiderio, eccitazione, lubrificazione, orgasmo, soddisfazione sessuale ed è stato riscontrato un miglioramento di tutti i parametri e allo stesso tempo è stata rilevata la diminuzione del dolore durante i rapporti sessuali (dispareunia).

I RISULTATI

Il trattamento MonnaLisa Touch – che emette impulsi delicati stimolando la produzione di collagene e la vascolarizzazione delle parti intime – ha migliorato nell’82,3% delle pazienti le funzioni sessuali con un miglioramento significativo della lubrificazione intima e una diminuzione del dolore durante il rapporto sessuale.

Altri vantaggi riscontrati della procedura laser a CO₂ sono la facilità di utilizzo, la rapidità del trattamento (una seduta dura pochi minuti), l’assenza di effetti collaterali e l’ottima tollerabilità da parte delle pazienti.